Pensieri sulla notte

 

pensieri sulla notte
Il fascino esercitato dalla notte è fonte d’ispirazione per coloro che amano lasciarsi avvolgere nel suo fatato e ovattato mantello di silenzio e permettere all’immaginazione di vagabondare senza alcun freno. E in quella soffice foschia illuminata debolmente dalla luna e dal tiepido chiarore di luci artificiali sull’asfalto, si possono udire quasi distintamente quei suoni celati dal giorno.
Nella magia della notte, con i suoi lampioni, il silenzio a volte interrotto brevemente dalle auto che si dileguano in fretta, si sente il soffio del vento. E anche il suono dei misteriosi animali notturni che si nascondono nel buio.
Di notte sembra di vivere un sogno consapevole in cui non si riesce a comprendere dove comincia la realtà e termina la fantasia.
E sotto la coltre delle tenebre la parte più autentica di noi prende vita e si diventa filosofi, poeti, musicisti, anche se non a tutti è dato il dono di tradurre le emozioni attraverso il linguaggio artistico. Ma che importa? La notte è passione, malinconia e romanticismo. Può emergere la sofferenza che il sole nasconde e sotto la magica energia della luna emergono i nostri più reconditi desideri accompagnati dalla nostalgia delle cose perdute che soffoca le lacrime sul cuscino.
Di notte i nostri sentimenti si estremizzano. La creatività incalza chi vuole assaporarne ogni singolo istante fino a quando il sonno non prende il sopravvento e ci s’immerge nei sogni, quelli veri, quelli che sfuggono totalmente al nostro controllo. Anch’essi fonte d’ispirazione.
Alcuni studiosi sostengono che i notturni, gli amanti della notte, sono pieni di fantasia e hanno una mentalità più aperta rispetto a chi non vive almeno qualche ora la notte. Errore enorme non sperimentare i mutamenti psicologici ed emotivi che si verificano di notte.
Lo psicologo Satoshi Kanazawa, dopo lunghi e attenti studi, afferma che chi gioca sotto la luna e non si lascia condizionare dai modelli che la società impone seguendo il consiglio di andare a letto presto, è più intelligente di chi si affretta a recarsi sotto le lenzuola prima che giunga la notte. Non è difficile condividere questa tesi e forse non era nemmeno il caso di farne un oggetto di studio. Una persona curiosa non riesce a resistere all’attrazione magica della notte e vuole cercarne quei segreti che le parlano nel silenzio.
Per scoprire se stessa e sciogliere i nodi alla fantasia.
Chi va a dormire quando fa buio non conosce la notte. L’associa al sonno ristoratore per recuperare le energie spese durante il giorno.
Ignora la sua inimmaginabile potenza rivelatrice che la colloca tra il giorno finito e il domani che giungerà.
Il ricordo e il futuro, la transazione.
Il suo profumo di oscurità da respirare profondamente riesce ad ammaliare al punto di rallentare l’orologio e perdere la cognizione del tempo.
La notte è il rifugio degli animi inquieti e degli inguaribili sognatori che non tollerano la luce accecante del sole.
E proprio di notte sono stati creati i più grandi capolavori della storia.
Una raccolta di pensieri e di foto selezionati dalla capanna ci accompagnerà lungo l’affascinante e misterioso cammino della notte per lasciare libero sfogo al nostro desiderio d’irrazionalità e di aprire gli occhi dell’anima.
Buona lettura e…buona visione 🙂

pensieri sulla notte
La notte è calda, la notte è lunga, la notte è magnifica per ascoltare storie. Antonio Tabucchi
***
Le notti in cui abbiamo dormito è come se non fossero mai esistite. Restano nella memoria solo quelle in cui non abbiamo chiuso occhio: notte vuol dire notte insonne. Emil Cioran
***
Camminare all’aperto, di notte, sotto il cielo silente, lungo un corso d’acqua che scorre quieto, è sempre una cosa piena di mistero, e sommuove gli abissi dell’animo. Hermann Hesse
***
La notte ci piace perché, come il ricordo, sopprime i particolari oziosi. Jorge Luis Borges
***
Ascoltate i pensieri, i presentimenti della notte, perché, in quella pace, come sommesso rumore lontano, si fa la coscienza sentire.
Niccolò Tommaseo
***

pensieri sulla notte
Di notte ogni cosa assume forme più lievi, più sfumate, quasi magiche. Tutto si addolcisce e si attenua, anche le rughe del viso e quelle dell’anima.
Romano Battaglia
***
Penso spesso che la notte è più viva e intensamente colorata del giorno. Vincent van Gogh
***
Che passi pure il giorno, non so che farmene, né dove andarlo a cercare. Mi tengo stretta la mia notte. Vinicio Capossela
***
Chissà perché la notte, come la gomma, è di un’infinita elasticità e morbidezza, mentre il mattino è così spietatamente affilato. Banana Yoshimoto
***
C’è un punto morto nella notte, dove fa più freddo e il tempo più nero, dove il mondo ha dimenticato la sera e l’alba non è ancora una promessa. Un tempo in cui è troppo presto per alzarsi, ma così tardi per andare a letto. Robin Hobb
***

pensieri sulla notte
I giorni vengono distinti fra loro, ma la notte ha un unico nome. Elias Canetti
***
Ci si trascina di notte per le vie e si parla tra sé. Il dialogo alligna di giorno e risuona dei suoi traffici ignobili. Di notte si monologa. Come dei re.
Manlio Sgalambro
***
La notte è davvero il momento migliore per lavorare. Tutte le idee sono lì per essere tue perché tutti gli altri dormono. Catherine O’Hara
***
Il più grande peccato dell’uomo è dormire di notte, quando l’universo è disposto a lasciarsi guardare. Lilaschon, Twitter
***
Il giorno ansima nell’urgenza. Solo la notte si lascia respirare. Fabrizio Caramagna
***

pensieri sulla notte
Notte, l’amata.
Notte, quando le parole svaniscono e le cose prendono vita. Quando la distruttiva analisi del giorno è conclusa e quanto è veramente importante diviene nuovamente intero e risuona.
Quando l’uomo ricuce il suo Sé frammentato e cresce con la calma dell’albero. Antoine de Saint-Exupery
***
Nella notte passiamo la metà della vita,
Ed è la metà più bella davvero. Johann Wolfgang von Goethe
***
È bella di notte la città. C’è pericolo ma pure libertà. Ci girano quelli senza sonno, gli artisti, gli assassini, i giocatori, stanno aperte le osterie, le friggitorie, i caffè. Ci si saluta, ci si conosce, tra quelli che campano di notte. Le persone perdonano i vizi. La luce del giorno accusa, lo scuro della notte dà l’assoluzione. Escono i trasformati, uomini vestiti da donna, perché così gli dice la natura e nessuno li scoccia. Nessuno chiede di conto di notte. Escono gli storpi, i ciechi, gli zoppi, che di giorno vengono respinti. È una tasca rivoltata, la notte nella città. Escono pure i cani, quelli senza casa. Aspettano la notte per cercare gli avanzi, quanti cani riescono a campare senza nessuno. Di notte la città è un paese civile. Erri De Luca
***
Il silenzio è per le orecchie ciò che la notte è per gli occhi. Edmond Jabès
***
Il silenzio della notte, che rimodella ogni confusione del giorno. Quasi che la notte fosse luce. Don Dino Pirri
***

notte 2

Mi affascinano le finestre di notte, quando la luce è accesa e lavorano al contrario, intrappolando l’interno ed escludendo l’esterno.
orporick, Twitter
***
Sembrava come se le strade fossero assorbite dal cielo, e la notte erano tutta in aria. Charles Dickens
***
Di notte la solitudine si scuce, il giradischi svapora e, all’improvviso, il proprio guanciale è una penna. Luigi Trucillo
***
Vieni o amabile notte dalla nera fronte,
e dammi il mio Romeo;
e quando egli morrà, prendilo e taglialo in piccole stelle,
ed egli renderà così belo il volto del cielo,
che tutto il mondo si innamorerà della bellezza della notte,
e non presterà più nessun culto all’abbagliante sole.
William Shakespeare
***
Di notte un ateo crede quasi in un Dio. Edward Young
***

pensieri sulla notte
È notte, i pesci volano alti e il destino sa già tutto. Alberto Csairaghy
***
La notte amplifica: i rumori, i pensieri, l’assenza di chi manca. La notte: megafono di emozioni. nickbiussy, Twitter
***
Di notte le ciliege sono più succose
di quelle raccolte a mezzogiorno…
Nella ciliegia raccolta di notte,
maturata dalla rugiada estiva
c’è il succo della pura delizia.
Fresca, scura, dolce e profumata di cielo.
Robert Graves
***
Ci sono notti che non accadono mai. Alda Merini
***
Non innamorarti della notte così follemente da non riuscire più a trovare la strada. Anne Rice
***

pensieri sulla notte
Nella vostra vita vi auguro almeno un blackout in una notte limpida. Mario Rigoni Stern
***
La notte fa il suo gioco, e serve anche a quello: a far sembrare tutto, tutto un po’ più bello. Jovanotti
***
Scrivevo silenzi, notti, notavo l’inesprimibile, fissavo vertigini. Arthur Rimbaud
***
Se una notte di plenilunio è bella, essa è perfetta, e nulla manca né in cielo né in terra: nel cielo che contempliamo e nella notte accecata dal suo splendore.  Maria Kuncewiczowa
***

I poeti lavorano di notte
quando il tempo non urge su di loro,
quando tace il rumore della folla
e termina il linciaggio delle ore.

I poeti lavorano nel buio
come falchi notturni od usignoli
dal dolcissimo canto
e temono di offendere Iddio.

Ma i poeti, nel loro silenzio
fanno ben più rumore
di una dorata cupola di stelle.

Alda Merini
***

N.B. Le immagini sono state reperite nel web e quindi considerate di pubblico dominio. Qualora si ritenesse che possano violare diritti di terzi, si prega di scrivere al seguente indirizzo lacapannadelsilenzio@yahoo.it e saranno immediatamente rimosse.

2 Comments

Leave a Reply