Pensieri e immagini (Luglio 2017)

Cercare adagio, umilmente, costantemente di esprimere, di tornare a spremere dalla terra bruta o da ciò ch’essa genera, dai suoni, dalle forme e dai colori, che sono le porte della prigione della nostra anima, un’immagine di bellezza che siamo giunti a comprendere: questa è l’arte.
James Joyce
Immagine reperita nel web.

 

Io credo nella poesia. Credo che ci siano creature dotate del potere di mettere le cose insieme e riportarle in vita.
-Helene Cixous-
Immagine reperita nel web.

 

Non conosco maggiore piacere del sonno,
la cancellazione totale della vita e dell’anima,
il commiato dall’essere e dagli uomini,
la notte senza memoria e senza illusione,
la mancanza di passato e di futuro.
Fernando Pessoa
Immagine reperita nel web.

 

C’è una crepa in ogni cosa. Ed è da lì che entra la luce.
-Leonard Cohen-
Immagine reperita nel web.

 

La vita solitaria della montagna coi suoi silenzi majestatici e il breve cerchio delle amicizie al paese gli conferiscono questo fortunato istinto di vigilante temperanza, che è segno preciso di compiutezza e di sufficienza spirituale.
-Carlo Gnocchi-
Faroe Islands-Immagine reperita nel web.

 

Perché talvolta nella vita le cose cambiano nel tempo di un sospiro, ancor prima che riusciamo ad abituarcene.
-Paulo Coelho-
Immagine reperita nel web.

 

La sensibilità è un dono. Perché se è vero che ti rattristi con nulla, è vero anche che gioisci con poco. E trasformi le piccole attenzioni, i piccoli gesti, in cose preziose di grande valore.
-Giorgia Stella-
Foto di Elena Shumilova.

 

In casa mia ci sono tutte le cose inutili. Non manca che il necessario: un grande squarcio di cielo come qui. Cercate di conservare sempre un brandello di cielo sulla vostra vita.
Marcel Proust
“The Dreamer”, Oksana Sulimova.

 

Così continuiamo a vivere la nostra vita, pensai. Segnati da perdite profonde e definitive, derubati delle cose per noi più preziose, trasformati in persone diverse che di sé conservano solo lo strato esterno della pelle; tuttavia, silenziosamente, continuiamo a vivere.
-Murakami Haruki-
Immagine reperita nel web.

 

Io mi sono coperta di parole perché nessuno trovi il silenzio in cui sto.
-Marie Noël-
Immagine reperita nel web.

 

Molti studiano come allungare la vita, quando invece bisognerebbe allargarla.
-Bertrand Russell-
Immagine reperita nel web.

 

Ci hanno fatto credere che l’amore, quello vero, si trova una volta sola, e in generale prima dei trent’anni. Non ci hanno detto che l’amore non è azionato in qualche maniera e nemmeno arriva ad un’ora precisa.
Ci hanno fatto credere che ognuno di noi è la metà di un’arancia, che la vita ha senso solo quando riusciamo a trovare l’altra metà. Non ci hanno detto che nasciamo interi, che mai nessuno nella nostra vita merita di portarsi sulle spalle la responsabilità di completare quello che ci manca: si cresce con noi stessi. Se siamo in buona compagnia, è semplicemente più gradevole.
Ci hanno fatto credere in una formula chiamata “due in uno”: due persone che pensano uguale, agiscono uguale, che solamente questo poteva funzionare. Non ci hanno detto che questo ha un nome: annullamento. Che solamente essere individui con propria personalità ci permette di avere un rapporto sano.
Ci hanno fatto credere che il matrimonio è d’obbligo e che i desideri fuori tempo devono essere repressi.
Ci hanno fatto credere che i belli e magri sono quelli più amati, che quelli che fanno poco sesso sono all’antica, e quelli che invece ne fanno troppo non sono affidabili, e che ci sarà sempre un scarpa vecchia per un piede storto! Solo non ci hanno detto che esistono molte più menti “storte” che piedi.
Ci hanno fatto credere che esiste un’unica formula per la felicità, la stessa per tutti, e quelli che cercano di svincolarsene sono condannati all’emarginazione. Non ci hanno detto che queste formule non funzionano, frustrano le persone, sono alienanti, e che ci sono altre alternative.
Ah, non ci hanno nemmeno detto che nessuno mai ci dirà tutto ciò.
Ognuno di noi lo scoprirà da sé. E così, quando sarai molto innamorato di te stesso, potrai essere altrettanto felice, e potrai amare qualcuno.
-John Lennon-
Immagine reperita nel web.

 

Dove si trova la bellezza?
Nelle grandi cose che, come le altre, sono destinate a morire oppure nelle piccole che, senza nessuna pretesa, sanno incastonare nell’attimo una gemma di infinito?
“L’eleganza del riccio”, Muriel Barbery.
“Sunset Sparrows”, foto di Dragan Todorovic.

 

Se si guarda negli occhi un animale, tutti i sistemi filosofici del mondo crollano.
-Luigi Pirandello-
Immagine reperita nel web.

 

Non concedo una seconda possibilità al cinismo.
All’insistenza.
Alla mancanza di empatia e carità.
Ho smesso di perdere tempo con ciò che mi rammarica o intristisce.
L’onestà dell’amore sta nel presidio quotidiano e nella capacità da costeggiare l’altrui sensibilità senza violentarla mai.
Scegliendo il tempo, il modo, le parole giuste.
Sapendo aspettare, dedicando cura e pazienza, osservando e parlando con misura, senza sentenziare.
E comunque sinceramente.
Il passato alle spalle, un capitolo nuovo.
Con la serenità per accettare le cose che non riesco a cambiare e il coraggio per cambiare quelle che posso in precario ma sufficiente equilibrio.
Lascio che sia, il mestiere della Vita.
Non auguro a nessuno di fare scelte per paura.
La verità è che bisogna imparare un po’ ad aspettare, alla fine le cose tornano ad essere centrate nella maniera giusta, non bisogna mai lasciare che la paura diventi la principale consigliera, ti dà sempre la versione sbagliata delle cose.
Compiacere tutti è inutile tempo perso.
-Tiziano Ferro-
Foto di Martina Brandstetter.

 

Era bello che fosse lei a stringermi, a lasciar perdere le parole.
Charles Bukowski
Immagine reperita nel web.

 

Il ricordo delle cose importanti è come un graffito sulla parete dell’anima. Risultano inutili e maldestri i tentativi di cancellarlo. Esso riemerge e, quando meno te lo aspetti, torna a far parte del presente.
Da “Figli dello stesso fango” di Daniele Amitrano.
Immagine reperita nel web.

 

Sono una donna che apre il suo cuore a pochi, perché odio chi entra e mette in disordine la mia anima. Sono selettiva e scelgo chi merita di esserci e se dico “ti voglio bene”, è perché ci tengo e lo penso davvero. Pochi ma buoni, questa è la mia filosofia.
-Meryl Streep-
Immagine reperita nel web.

 

Se i nostri momenti migliori
durassero,
sostituirebbero il cielo.
Emily Dickinson
Dipinto di Bob Baker.

 

Ora ti do la buonanotte, come ogni altra volta. Ti bacio e poi ti auguro la buonanotte, e poi apro la porta e poi esco per le strade con il cuore pieno e l’anima affamata. Ma continuo a tornare, ancora e sempre, per baciarti e augurarti la buonanotte e aprire la porta e uscire per la strada con l’anima affamata e il cuore pieno.
-Khalil Gibran-
“Paris de Nuit”, Brassaï.

 

Non ho mai amato le celebrazioni. Quelle dopo.
È facile farne dei santi, degli eroi. Dopo.
È facile piangerli. Dopo.
Invece diteglielo, a tutti quei ragazzi, com’erano visti prima, Paolo, Giovanni, Rocco, Rosario, Piersanti e tutti gli altri. Prima di morire.
Diteglielo che erano considerati dei rompicoglioni.
Diteglielo che finché sono vivi, gli eroi, sono in pochi a volergli bene. A non guardarli storto.
Diteglielo, che a fare quello che hanno fatto loro bisogna essere davvero dei pazzi che sognano di svuotare il Mediterraneo con un secchiello.
Diteglielo che un grammo del coraggio di questo signore qui, un grammo dentro il sangue di tutti, e la mafia neanche ci ricorderemmo cos’è.
Diteglielo, che la mafia non si batte col sacrificio di pochi, ma con la volontà di tutti.
-Enrico Galiano-
Immagine reperita nel web.

 

Lascio a te queste impronte sulla terra
tenere dolci, che si possa dire:
qui è passata una gemma o una tempesta,
una donna che avida di dire
disse cose notturne e delicate,
una donna che non fu mai amata.
Qui passò forse una furiosa bestia
avida sete che dette tempesta
alla terra, a ogni clima, al firmamento,
ma qui passò soltanto il mio tormento.
Alda Merini
“Summer Underwear” by Nina Leen, 1949.

 

Sarebbe bello parlare con i bambini che eravamo e chiedere loro che cosa ne pensano degli adulti che siamo diventati.
-Juan Felipe Gabanhia-
Foto di Elena Shumilova.

 

Condividiamo spesso il nostro mondo interiore, con la pretesa che una massa di analfabeti sappia leggerlo.
Da “I dolori del giovane Werther” di Johann Wolfgang Goethe.
Immagine reperita nel web.

 

Amo la notte. La adoro.
Di notte sembra che tutto possa accadere,
e non ho più nemmeno un po’ di sonno.
-Banana Yoshimoto-
Dipinto di Iwona Lifsches.

 

Sono invecchiati in un altro modo. Vivono in mezzo alle cose ereditate, ai regali, ed ogni mobile per loro è un ricordo. Pendole, medaglie, ritratti, conchiglie, fermacarte, paraventi, scialli. Hanno armadi pieni di bottiglie, di stoffe, di vecchi vestiti, di giornali, hanno conservato tutto. Il passato è un lusso da proprietari.
Ed io dove potrei conservare il mio? Non ci si può mettere il passato in tasca; bisogna avere una casa per sistemarvelo. lo non possiedo che il mio corpo; un uomo completamente solo, col suo corpo soltanto, non può fermare i ricordi, gli passano attraverso. Non dovrei lagnarmi: il mio solo desiderio è stato d’esser libero.
[Jean-Paul Sartre]
Immagine reperita nel web.

Ed io, minimo essere,
ebbro del grande vuoto
costellato,
a somiglianza, a immagine
del mistero,
mi sentii parte pura
dell’abisso,
ruotai con le stelle,
il mio cuore si sparpagliò nel vento.
Pablo Neruda
Dipinto di Raphaël Vavasseur.

 

La gelosia è sovente solo un inquieto bisogno di tirannide applicato alle cose dell’amore.
Marcel Proust
Immagine reperita nel web.

 

I profumi, i colori e i suoni si rispondono.
Charles Baudelaire
Immagine reperita nel web.

Quali particolari affinità gli sembrava esistessero fra la luna e la donna? La sua antichità nel precedere e sopravvivere a successive generazioni telluriche: la sua dominazione notturna: la sua dipendenza di satellite: il suo riflesso luminare: la costanza in tutte le sue fasi, il sorgere, il tramontare al momento stabilito, luna crescente e calante, l’invariabilità forzata del suo aspetto: la sua risposta indeterminata all’interrogazione non affermativa: il suo influsso sul flusso e riflusso delle acque: il suo potere di fare invaghire, di mortificare, di rivestire di bellezza, di rendere folli, incitare, coadiuvare alla delinquenza: la tranquilla imperscutabilità del suo volto: la terribilità della sua isolata dominante implacabile vicinanza: i suoi auspici di tempesta e di bonaccia: lo stimolo della sua luce, del suo movimento e della sua presenza: l’ammonimento dei suoi crateri, i suoi mari aridi, il suo silenzio: il suo splendore, quando visibile: la sua attrazione quando invisibile.
James Joyce, “Ulisse”.
LP kalendáře.

 

Sai cos’ho capito, alla fine? Che il male non ti rende migliore, anzi. Ti peggiora e basta. È una stronzata che se soffri, allora cresci. Se soffri, t’incazzi e ti viene voglia di vendicarti, tutto qui.
Da “Marina Bellezza” di Silvia Avallone.
Immagine reperita nel web.

 

Non abusare della pazienza delle persone buone. Sono persone che possono perdonarti centinaia di volte ma sono anche quelle che, quando decidono di andarsene, non tornano più indietro.
-Antonio Curnetta-
Immagine reperita nel web.

 

Finché un animale sarà abbandonato, nessuno sfuggirà alla solitudine. Finché un animale sarà oltraggiato, nessuno sarà al riparo della violenza. Finché un animale sarà recluso, nessun uomo sarà libero.
-Franco Libero Manca-
[Basta così poco per creare un mondo diverso]
Immagine reperita nel web.

Il mondo fa paura, ma in esso nuotano, come in un immenso acquario, betulle, volpi, torrenti di fiori, strade di campagna e case di legno e ancora i concerti di Brahms e i valzer di Chopin.
-Jaroslaw Iwaszkiewicz-
Richa Thakkar Illustration.

N.B. Le immagini sono state reperite nel web, quindi considerate di pubblico dominio e appartenenti a google e ai legittimi proprietari. Qualora si ritenesse che possano violare diritti di terzi, si prega di scrivere al seguente indirizzo lacapannadelsilenzio@yahoo.it e saranno immediatamente rimosse.

 

 

 

Lascia un commento