La struggente bellezza della nostalgia

la struggente bellezza della nostalgia pensieri
La parola nostalgia, di derivazione greca ( νόστος –ritorno e άλγος dolore, dolore del ritorno ), viene spesso associata alla sofferenza che accompagna la consapevolezza della perdita irrimediabile di un passato che non può più fare ritorno.
Le sensazioni nostalgiche scatenano una tempesta di emozioni che vorremmo quasi catturare per impedirne la fuga o allontanare per il dolore che può procurarci.
Concentrati come siamo nel voler trasmettere sempre un’immagine positiva di noi, così come richiesto da una società proiettata sempre verso il futuro e che non ammette pause oziose di alcun genere, cacciamo via una parte del nostro essere per non apparire fragili nemmeno ai nostri occhi.
La nostalgia si vive in solitudine. Condividerla con gli altri spesso può indebolire la quantità di emozioni in grado di scatenare.
E non è una prerogativa dei deboli.
Contrariamente a quello che si pensa, la nostalgia, così come ha rilevato il professore Constantine Sedikides, direttore del Centro di ricerca sull’identità personale dell’Università di Southampton, «Le persone nostalgiche sono in realtà le più forti, perché capaci di rimettere insieme i pezzi del passato e fare della vita un percorso compatto
La nostalgia è un sentimento che caratterizza le persone più forti e che non hanno timore alcuno nel guardare il passato.

la struggente bellezza della nostalgia pensieriIl ricordo che si scatena guardando una vecchia fotografia, la scena di un film, una panchina su cui eravamo soliti sederci provoca in noi un’emozione di pigra malinconia che sfocia in sofferenza solamente quando il presente è insoddisfacente e angosciante.
La nostalgia è una lacrima che scivola lentamente e si trasforma in un sorriso.
Un momento inafferrabile e denso di un intero mondo intorno a noi, in cui si riesce a percepire anche il tocco di una mano che non c’è più.
Niente è per sempre, sembra sussurrarci la nostalgia…
E quel desiderio di tornare indietro ci rammenta il nostro legame indissolubile con il passato, con quella parte di noi che sembra essere andata via per sempre, ma che continua a scorrere impetuosamente dentro il nostro essere rendendoci la persona che siamo, in grado di smarrirci nella nostalgia senza paura.
La nostalgia può sorgere in qualsiasi momento.
Non è solo la tristezza a farla emergere.
Un’intensa e breve emozione di felicità può far riaffiorare un momento del passato lasciando che la mente indugi liberamente su quell’istante.
Non è tristezza.
Non è felicità.
È un istante che stringi gelosamente tra le tue mani o che vuoi allontanare da te.
«Un luogo mobile che appare e scompare sulle carte della fantasia ma sta ben saldo nel cuore di ognuno di noi.». Non poteva essere descritta in un modo più superbo di come lo fece il grande scrittore José Saramago.
E in fondo cos’è la nostalgia se non quel sentimento che riporta alla luce ricordi apparentemente assopiti e che da cui a volte si vorrebbe scappare perché può far male, ma in cui altre volte vi si lascia avvolgere per vivere quell’emozione del passato che non si è potuta assaporare profondamente?
E la struggente bellezza della nostalgia è tutta racchiusa nel richiamare in vita un momento che non potrà mai più ripetersi.
L’eterno ritorno.
Non evitare l’ascolto di una canzone, pur coscienti che risveglierà in noi intense emozioni del passato.
E rendersi conto di essere stati felici in quel momento.
Di averlo vissuto.
La vita ci ricorda ogni istante la sua fugacità e lo fa anche attraverso la nostalgia, rammentadoci altresì che sono in serbo per noi moltissime sorprese in attesa di essere colte.
In portoghese si chiama saudade. Una sensazione che ci rende tristi ma ci fa anche sentire vivi. Ha una dimensione mistica che implica l’accettazione del passato e la fede in ciò che verrà.
Un sorriso triste…così potrebbe essere rappresentata la nostalgia.
Una parte imprescindibile del nostro essere. Da accettare e da vivere.

Nostalgia, pensieri e citazioni
E in quel desiderio inappagato di ritornare nasce il desiderio di vivere ancora più intensamente il presente e immaginare un meraviglioso futuro in cui vi saranno altri momenti indimenticabili.
Cesare Pavese sosteneva che non “esiste niente di peggio dell’alba in cui nulla avverrà“.
Smettere di sognare è la morte civile di ogni essere umano.
La nostalgia serve anche, nella sua malinconica intensità, a ricordarci che esistono attimi talmente preziosi da restare per sempre impressi nella nostra mente.
E allora abbandoniamoci liberamente in questo sentimento creativo e cerchiamo di immortalarne il momento, così come fanno gli artisti.
Per non dimenticare e far sì che anche quei momenti nostalgici si tramutino in infinita speranza di ciò che avverrà.
Dipende tutto da noi e, se la nostalgia ci coglie in un momento triste, perdiamoci in essa per rammentare a noi stessi che la vita è un mistero denso di eventi imprevedibili. E se quel momento è rimasto racchiuso nel nostro cuore lasciamo che emerga in tutta la sua potenza spalancando la porta a quei ricordi.
Ecco come alcuni personaggi celebri parlano della nostalgia. E le fotografie scelte dalla capanna accompagneranno le parole che gli artisti hanno voluto donare a se stessi e al mondo.

la struggente bellezza della nostalgia pensieri
Ci sono nostalgie dolorose e scarnificanti; ci sono nostalgie sognanti e dolcissime; ci sono nostalgie che fanno vivere, e nostalgie che fanno morire; ci sono nostalgie che nascono da esperienze di perdita (…); ci sono nostalgie di stato d’animo che davano un senso alla vita e che non rinascono più (…); ci sono nostalgie di un paesaggio (…); ci sono nostalgie, le immagini e i fantasmi, che risorgono vertiginosamente da alcune fotografie; ci sono nostalgie divoranti e inestinguibili nella loro intensità e nei loro significati; ci sono nostalgie labili ed effimere; ci sono nostalgie che continuano a incrinare e a sigillare la vita (…). Ci sono molte, infinite figure della nostalgia nella loro evanescenza e nelle loro increspature. Romana Petri
***
Solamente chi trae l’un dopo l’altro i giorni lontano dagli affetti che prima non si guastano e troppo tardi si apprezzano e amano, può comprendere quanto sia il rimpianto dei beni ignorati per l’anima che si ammala di nostalgia.
Carlo Maria Franzero
***
La musica non esprime la passione, l’amore, la nostalgia di questo o quell’individuo in questa o quella situazione ma la passione, l’amore, la nostalgia stessa. Richard Wagner
***
È  molto tempo, sì, che non ti scrivo. Sono invecchiate tutte le notizie. Sono invecchiato anch’io: guarda, in rilievo, questi segni su di me, non delle carezze ( così leggere ) che mi facevi in viso: sono ferite, spine, sono ricordi lasciati dalla vita al tuo bambino, che al tramonto perde la sapienza dei bambini. E la mancanza che ho di te non è tanto all’ora di dormire, quando dicevi “Dio ti benedica”, e la notte si spalancava in sogno. È quando, allo svegliarmi, vedo a un angolo la notte accumulata dei miei giorni, e sento che sono vivo, e che non sogno. Carlos Drummond de Andrade
***

la struggente bellezza della nostalgia pensieri
Quegli occhi lucidi, quel groppo alla gola e la consapevolezza che non vivrai più quel momento che ti è tornato in mente. (cit.) 
***
E dopotutto ci sono tante consolazioni! C’è l’alto cielo azzurro, limpido e sereno, in cui fluttuano sempre nuvole imperfette. E la brezza lieve […] E, alla fine, arrivano sempre i ricordi, con le loro nostalgie e la loro speranza, e un sorriso di magia alla finestra del mondo, quello che vorremmo, bussando alla porta di quello che siamo.
Fernando Pessoa
***
E quando negli occhi risplende la luce dei ricordi, lasciati trasportare nel viaggio, anche se le mani rimangono vuote. Elisaby
***
La nostalgia è un luogo mobile che appare e scompare sulle carte della fantasia ma sta ben saldo nel cuore di ognuno di noi.
José Saramago
***
La nostalgia è una di quelle giostre dove nessuno ti viene a prendere. E sulla piattaforma gli animali di legno sono fermi e sorridono.
Nina Ein
***

la struggente bellezza della nostalgia pensieri
Dolore e nostalgia sono pagine di un libro scritto a due mani e riletto da soli.
Mirko Badiale
***
Il ricordo è un modo d’incontrarsi. Kahlil Gibran
***
Non c’è nostalgia più dolorosa di quella delle cose che non sono mai state! Fernando Pessoa
***
E poi al mattino dimentichiamo. Non sappiamo neanche più riconoscere le finestre che brillavano nella notte. Tornata la luce del giorno, esse sono tutte uguali. E di giorno, sulla Piazza, tutto è allegro, sempre. Se piove, diciamo: “Che tempo!”; se fa bello, diciamo: “Che tempo!”. Mi sono fatta tornare a casa. Ero pericolosamente vicina a cadere nella cronaca. Non sarebbe mai finito. Non c’era ragione per non continuare fino alla mia morte… Con una certa ipocrisia ho giocato sulle parole “memoria” e “nostalgia”. Non posso giurare di essere stata di una sincerità totale quando affermavo di non provare nostalgia. Ho forse la nostalgia della memoria non condivisa…Simone Signoret
***

….tutti viviamo nella incompletezza. Non siamo onnipotenti.  Solo se accettassimo la finitezza come nostro orizzonte la nostalgia potrebbe apparire come un elemento positivo. La nostalgia ci dice costantemente che tutto ciò che abbiamo vissuto, che abbiamo amato, che abbiamo coltivato nel passato, non tornerà più, non ci appartiene più…Antonio Prete
***
Mi sono seduta e ho pianto.
Narra la leggenda che tutto ciò che cade nell’acqua di questo fiume, le foglie, gli insetti, le piume degli uccelli, si trasforma nelle pietre del suo letto. Ah, se solo potessi strapparmi il cuore dal petto e lanciarlo nella corrente, allora non ci sarebbero più dolore nè nostalgia nè ricordi.
Sulla sponda del fiume Piedra mi sono seduta e ho pianto. Paulo Coehlo
***

la struggente bellezza della nostalgia pensieri
La nostalgia di vagare senza meta mi prende il cuore, quando, a sera, sento gli alberi stormire nel vento. Se li ascolta a lungo, in silenzio, anche la nostalgia di vagare rivela appieno il suo significato più profondo. Non è desiderio di scappar via dal dolore, come sembra. È nostalgia della propria patria, ricordo della propria madre, struggimento per nuovi simboli di vita. Conduce a casa. Ogni strada conduce a casa, ogni passo è nascita, ogni passo è morte, ogni tomba è madre.
Così sussurra l’albero nella sera, quando abbiamo paura dei nostri pensieri infantili. Gli alberi hanno pensieri duraturi, di lungo respiro, tranquilli, come hanno una vita più lunga della nostra. Sono più saggi di noi finché non li ascoltiamo. Ma quando abbiamo imparato ad ascoltare gli alberi, allora proprio la brevità, la rapidità e la precipitazione infantile dei nostri pensieri acquistano una letizia incomparabile. Chi ha imparato ad ascoltare gli alberi, non desidera più essere un albero. Non desidera essere altro che quello che è. Questa è la patria. Questa è la felicità. Hermann Hesse

Le finestre sanno tutto di noi. Sui loro vetri si specchiano i ricordi come nuvole senza pioggia e in attesa di silenzio. (cit.)
***
Parti e cerca di continuare a sorridere.
Trovati un po’ di rock and roll alla radio e vai verso tutta la vita che c’è con tutto il coraggio che riesci a trovare e tutta la fiducia che riesci ad alimentare.
Sii valoroso, sii coraggioso, resisti.
Tutto il resto è buio.
Ma chi sa per quanto tempo può durare un lutto.
Non è possibile che dopo trenta o quarant’anni dalla scomparsa di un figlio o di un fratello di una sorella, ci si ritrovi nel dormiveglia a pensare al defunto con lo stesso senso di nostalgia e di vuoto, la sensazione di un’assenza che non potrà mai più essere riempita..
forse nemmeno dopo la morte. Stephen King
***

la struggente bellezza della nostalgia pensieri
Al tempio c’è una poesia intitolata “la mancanza”, incisa nella pietra. Ci sono tre parole, ma il poeta le ha cancellate. Non si può leggere la mancanza, solo avvertirla. Arthur Golden
***
Se vuoi costruire una barca, non radunare uomini per tagliare legna, dividere i compiti e impartire ordini, ma insegna loro la nostalgia per il mare vasto e infinito. Antoine de Saint-Exupéry
***
La nostalgia è un archivio che rimuove i lati spigolosi dai cari vecchi giorni. Doug Larson
***
La nostalgia per quello che abbiamo perso è più sopportabile della nostalgia per quello che non abbiamo mai avuto.
Mignon McLaughlin
***
Talvolta noi crediamo di sentire la nostalgia di un luogo lontano, mentre in verità abbiamo nostalgia del tempo che laggiù abbiamo trascorso, quando eravamo più giovani e più freschi. In tal caso il tempo ci inganna, prendendo la maschera dello spazio.
Arthur Schopenhauer
***
La nostalgia è rendersi conto che le cose non erano insopportabili come sembravano allora. Arthur Bloch
***

la struggente bellezza della nostalgia pensieri
Come ero triste e cattivo e arrabbiato – ma come era dolce. Robert Browning
***
Scuri in viso lasciamo passare senza goderne, infinite ore piacevoli e serene; ma quando poi arrivano quelle brutte, riguardiamo con vana nostalgia alle prime. Arthur Schopenhauer
***
In spagnolo, “añoranza” viene dal verbo “añorar” (“provare nostalgia”), che viene dal catalano “enyorar”, a sua volta derivato dal latino “ignorare”. Alla luce di questa etimologia, la nostalgia appare come la sofferenza dell’ignoranza. Milan Kundera
***
Mi è sempre sembrato che ci sia una parte di slealtà nella nostalgia, come quando dopo che è successo qualcosa, qualcuno dice “te l’avevo detto” o “lo sapevo”, e non è mai vero e non aveva detto e non sapeva niente prima che succedesse. Andrea De Carlo
***
È la nostalgia a nutrire la nostra anima, non l’appagamento; e il senso della nostra vita è il cammino, non la meta. Perché ogni risposta è fallace, ogni appagamento ci scivola tra le dita, e la meta non è più tale appena è stata raggiunta. Arthur Schnitzler
***
Nostalgia è, stando lontano dal vicino, stare vicino al lontano. Rinaldo Caddeo
***
La filosofia è davvero nostalgia, il desiderio di essere a casa. Novalis
***

N.B. Le immagini sono state reperite nel web e quindi considerate di pubblico dominio. Qualora si ritenesse che possano violare diritti di terzi, si prega di scrivere al seguente indirizzo lacapannadelsilenzio@yahoo.it e saranno immediatamente rimosse.

 

 

Digiprove sealCopyright secured by Digiprove © 2015

1 Comment

Leave a Reply