Il cinismo gentile di Oscar Wilde _ Un’indimenticabile sfida al perbenismo

«Io non voglio cancellare il mio passato, perché nel bene o nel male mi ha reso quello che sono oggi. Anzi ringrazio chi mi ha fatto scoprire l’amore e il dolore, chi mi ha amato e usato, chi mi ha detto ti voglio bene credendoci e chi invece l’ha fatto solo per i suoi sporchi comodi. Io ringrazio me stesso per aver trovato sempre la forza di rialzarmi e andare avanti, sempre».

Oscar Wilde, biografia, opere e citazioni
L’aver studiato Oscar Wilde quando ancora non erano di moda le magliette, le tazzine, i magneti da frigorifero con su scritti i suoi aforismi ed aver così reso un mero prodotto di consumo uno dei più grandi esponenti del panorama letterario inglese, ammetto che mi reca una profonda amarezza. Non ho mai amato le frasi fatte, soprattutto in bocca a gente che non sa nemmeno chi sia Oscar Wilde e ne pronuncia i pensieri senza aver mai letto un suo libro o approfondito la sua vita. Ma oggi è di moda appropriarsi di pensieri altrui per dimostrare di essere in possesso di una discreta cultura. Peccato che questo imperversare di supposta conoscenza stia svuotando la complessità di un autore che non può essere schematizzata così come sta succedendo negli ultimi anni, e come accadeva in quell’Inghilterra vittoriana dove ciò che destava più curiosità era l’incedere per Piccadilly con un giglio in mano, piuttosto che con un ombrello, di un vero genio della letteratura che dedica la sua vita ad osteggiare il perbenismo e l’ipocrisia della società. Ed il suo pensiero, estremamente attuale, meriterebbe un’attenzione che non si limiti semplicemente a riportare i suoi ormai inflazionati aforismi spesso estrapolati da un contesto significativo e probabilmente messi in risalto continuamente perché di motti di spirito arguti e sagaci il mondo ne sente la mancanza. Se non esistono serialità di immagini ripetute in modo ossessivo realizzate da Andy Warhol, sicuramente è accaduto perché il maestro della Pop Art era già deceduto quando è scoppiata la “Wilde mania“. Rileggere oggi le opere di Oscar Wilde, così come quelle di altri intellettuali di ieri, aiuterebbe a comprendere quanto poco sia mutata la mentalità dei più nei confronti dei cosiddetti “diversi”, soprattutto in paesi ancora culturalmente arretrati.
Oscar Wilde, biografia, opere e citazioniDetestato dai suoi contemporanei moralisti, la sua opera è stata completamente rivalutata dopo la sua morte facendo sì da annoverare Wilde tra i più grandi ed influenti scrittori classici.
Trascorre la sua esistenza in un periodo storico in cui sembra aver preso il sopravvento quel Positivismo che si manifesta nelle fede illimitata verso la scienza e il progresso sociale. Nello stesso tempo, però, si assiste alla nascita di sentimenti di angosciante inquietudine e disincanto che troveranno la piena espressione culturale nel Decadentismo.
Nato il 16 ottobre del 1854 a Dublino da una famiglia dell’alta società irlandese di religione protestante, è la madre, donna di profonda cultura, a trasmettere al figlio l’amore per l’arte e la letteratura.
Come spesso accade nelle migliori famiglie di quel periodo, Wilde viene inizialmente istruito a casa per poi frequentare la Portora Royal School a Enniskillen (contea di Fermanagh) ed il Trinity College di Dublino dove si distinguerà per gli studi approfonditi sulla lirica greca. Nel 1874 una borsa di studio gli consentirà di studiare letteratura classica presso il Magdalene College di Oxford.
Due saranno gli uomini che influenzeranno la formazione culturale di Oscar Wilde: John Ruskin e Walter Pater.
Il primo, professore di Arte e uomo profondamente religioso, sostiene che la letteratura e la pittura non possono essere scisse dalla moralità. Ma è Walter Pater ad influenzare in modo più incisivo il pensiero dello scrittore. Nel suo libro “Il Rinascimento” dichiara apertamente il proprio ateismo ed espone la sua teoria sulla malvagità della natura umana, trovando proprio in tale caratteristica una singolare bellezza che dovrebbe spingere l’uomo a vivere intensamente la propria breve e unica. E solo nell’arte l’uomo può trovare quella bellezza eterna in grado di fermare lo scorrere imperturbabile del tempo. Wilde abbraccia le idee di Pater e sostiene con fermezza che l’artista dovrebbe solamente preoccuparsi dello stile senza porre in minima considerazione l’oppressione di regole morali e convenzioni letterarie del momento. Lo scrittore darà infatti vita ad un genere letterario che metterà in primo piano le sensazioni umane, descritte con enorme franchezza e straordinaria bellezza ritmica.

Blank pages in open book, overhead view

Il libro di Pater resterà uno dei libri preferiti da Oscar Wilde per il resto della sua vita, sebbene non bisogna negare l’influenza del simbolismo francese di Baudelaire, Verlaine, Rimbaud e Mallarmè, ben presente nelle sue opere.
Durante gli anni trascorsi ad Oxford, Wilde comincia a scrivere poesie ed il suo componimento “Ravenna” vince il premio letterario Newdigate nel 1878.
L’anno seguente si trasferisce a Londra dove il suo abbigliamento eccentrico, le sue idee sull’estetismo, i suoi accessori dandy ed i suoi lunghi capelli ricci non riescono a lasciare indifferente la società londinese.
La sua lingua tagliente, che non risparmia critiche a nessuno, si esprime sempre con garbo ed eleganza, ama dare opinioni con divertenti giochi di parole, paradossi e battute sferzanti. Alcuni editori, successivamente, pubblicheranno solo alcuni suoi pensieri riferiti in pubblico o scritti nei suoi libri.
La sua popolarità cresce ogni giorno di più e non poche sono le signore delle capitali europee disposte a tutto pur di esibire la sua presenza nelle serate mondane.
È proprio lui l’apostolo dell’Estetismo, un movimento letterario che si propone il raggiungimento ed il godimento della bellezza. Secondo Wilde il più elevato grado di bellezza si manifesta nell’arte. Sposa i canoni dell’estetismo e del dandismo che si contrappongono visibilmente ai valori puritani dell’età vittoriana, caratterizzata da un incontrastato dominio dei valori borghesi incentrati sul progresso ed il benessere materiale. E lo scrittore irlandese sfida apertamente tale società con le sue idee volte a perseguire il piacere, infrangere ogni regola morale in cui, in modo particolare nell’arte, non trova posto alcun valore tradizionale di bene e male: «L’artista è il creatore di cose belle… Coloro che scorgono brutti significati nelle cose belle sono corrotti senza essere affascinanti. Questo è un errore. Coloro che scorgono bei significati nelle cose belle sono le persone colte. Per loro c’è speranza. Essi sono gli eletti: per loro le cose belle significano bellezza.»

wilde 4
Dopo un viaggio negli Stati Uniti, fa ritorno a Londra nel 1883 e s’innamora di Constance Lloyd che sposerà lo stesso anno.
wilde 5La donna gli darà due figli e i primi anni di matrimonio sembrano scorrere serenamente, anche se l’omosessualità dello scrittore comincerà a compromettere il suo rapporto familiare che risentirà di questa sua inquietudine presto tradotta in relazioni scostanti non solo con la moglie, ma anche con i figli.
Stranamente la prima produzione letteraria di Wilde, proprio in quel periodo, sfocia in una serie di favole scritte tra il 1886 ed il 1889.
Racconti che riguardano tematiche inerenti l’innocenza, il male e la sofferenza.
Il Principe Felice e altri racconti” appare nel 1888 e la “Casa dei Melograni” viene pubblicato nel 1891.
Wilde dedica molta attenzione anche all’aspetto esteriore dei suoi libri e per queste due raccolte si affida a due noti pittori dell’epoca affinché curino con attenzione le illustrazioni che accompagnano i testi.

Favole che unanimemente raccolgono il consenso della critica. Reputate opere di grande valore, in questa sua produzione Wilde riesce ad estrinsecare a pieno la sua filosofia di vita che anela alla bellezza, ma nello stesso tempo trasmette un messaggio di pietà per gli uomini e le loro ottuse incomprensioni di fronte ai valori dell’arte e della vita.
Quasi delle novelle in prosa, la percezione che trasmette la loro lettura infonde un magico lirismo che dona visioni di una grazia e di una bellezza straordinarie. E quel cinismo gentile di conversatore da salotto della Londra vittoriana si muta in un’accorata poetica malinconica unita ad un sorriso semplice e consapevole nello stesso tempo.
Il bene trionfa quasi sempre sul male in questi racconti ed i protagonisti sono personaggi comuni che qualche volta riconoscono il male in se stessi, ma cercano di annientarlo. Favole per “bambini dagli otto agli ottant’anni“, commenta lo stesso Wilde, per rivolgersi anche ad un pubblico adulto che vorrebbe appartenere eternamente al mondo innocente dell’infanzia.
Nello stesso tempo scrive anche numerosi saggi critici usando uno stile elegante e scorrevole che, nonostante la serietà delle tematiche affrontate, sembrano essere frutto della penna di un bambino che si diverte a giocherellare mirabilmente con le parole.

Nel 1890 scrive il suo unico romanzo, “Il ritratto di Dorian Gray“, che sembra ben palesare l’inquietudine dello scrittore causata dalla consapevolezza di ciò che presagisce stia corrompendo il suo animo. Decide così di esplorare il tema della malvagità umana non più attraverso le favole, ma per mezzo di un romanzo noir dal tragico epilogo che vede protagonista un giovane molto bello, Dorian.
Il giovane si lascia ritrarre dal pittore Basil Hallward chepalesemente turbato dalla bellezza di Dorian, realizza un meraviglioso dipinto.
Sir Henry Wotton, un cinico esteta, ha un’influenza determinante sul protagonista e, alla vista del ritratto, gli ricorda che il tempo distruggerà implacabilmente quella bellezza di cui è dotato. Dorian esprime il desiderio di restare giovane e che invecchi solamente quell’ossessionante ritratto.
Stranamente il suo desiderio si realizza e, quando Dorian spinge al suicidio, a causa del suo spietato egoismo e del suo scorretto comportamento, la sua fidanzata Sybil Vane, i segni della malvagità insiti nell’animo del giovane si esprimono in tutta la loro crudezza nel ritratto.
Dorian nasconde il dipinto. Non vuole che nessuno si accorga della malignità del proprio animo.

wilde 7
Sir Henry dona a Dorian un libro volto ad insegnargli a godere di quei piaceri della vita che derivano dai profumi, dai gioielli e dalle relazioni con giovani dello stesso sesso ed anche da quello diverso.
L’innamoramento dell’eterno giovane nei confronti di se stesso aumenta smisuratamente e lo spinge a distruggere la vita di molta gente.
Ma il ritratto è sempre lì.
A ricordargli quell’animo perfido che sembra essersi impadronito di lui.
Invecchia in modo orribile mostrando tutti i segni dei crimini commessi dal giovane.
Il disgusto verso se stesso spinge Dorian a distruggere il quadro con un coltello.
La servitù, il giorno seguente, rinviene il cadavere di un uomo anziano invecchiato terribilmente con un coltello nel cuore accanto al ritratto originale di Dorian.
Così come lo stesso cognome di Dorian, il protagonista è un uomo grigio, non del tutto bianco, ma nemmeno nero.
Il suo iniziale percorso di ragazzo ancora non contaminato dalla vita viene gradualmente corrotto e, così come descritto nel romanzo, Dorian diviene ogni giorno più crudele.
Molti critici del tempo identificano la figura di Sir Henry Wotton con lo stesso Wilde, ma bisogna ricordare che, proprio a proposito di queste supposizioni, lo scrittore commenta così: «Basil Hallward è colui che pensano chi io sia realmente, mentre Lord Henry Wotton è il personaggio che il mondo pensa io sia. Dorian è quello che avrei voluto essere, forse in altri tempi.»
Alle aspre polemiche che investiranno la pubblicazione del romanzo, Wilde risponde facendolo ristampare ed inserendo una prefazione che ben racchiude il suo pensiero sulla libertà dell’artista: «Non esistono libri morali o immorali. I libri sono scritti bene o scritti male. Questo è tutto.. La vita morale dell’uomo è parte della materia dell’artista, ma la moralità dell’arte consiste nell’uso perfetto di un mezzo imperfetto… Nessun artista ha intenti morali. In un artista un intento morale è un imperdonabile manierismo stilistico…».
Il libro ottiene un enorme successo, nonostante venga stroncato dalla critica.
Molte le trasposizioni cinematografiche di questo capolavoro, tra cui bisogna menzionare quella del 2009, intitolata semplicemente “Dorian Gray“, e diretta da Oliver Parker. Tra gli interpreti Colin Firth e Ben Barnes.

Wilde scrive anche per il teatro ed ottiene un grande successo con alcune pregevolissime commedie tra cui bisogna ricordare “Il Ventaglio di Lady Windermere” (1892), “Una donna senza importanza” (1894) ed il suo capolavoro “L’Importanza di Chiamarsi Ernesto“(1895).

L’Importanza di Chiamarsi Ernesto” si può considerare una delle più brillanti commedie antivittoriane.
wilde 8Protagoniste due coppie appartenenti all’alta società che vivono in un mondo in cui i valori morali non sono minimamente contemplati: matrimonio e panini al cetriolo sembrano occupare la stessa importanza ed in alcuni casi questi ultimi assumono ancora più rilevanza di tale sposalizio.
L’umorismo dei dialoghi incontra la sua massima espressione in rapidi scambi di aforismi.
Non molti sono a conoscenza di un’altra sua opera, realizzata nel 1891 e scritta in francese.
Sebbene si tratti di un dramma molto significativo che ben rappresenta uno dei periodi più tormentati dello scrittore, la conoscenza di quest’opera non è ben evidenziata nella maggioranza dei libri di letteratura.
Mi riferisco a “Salomè“, la cui storia è nota a tutti e di cui Wilde si serve per mostrare la sua visione della natura umana ormai distante dalle sue opere iniziali ed anche da quell’ambivalenza che si dibatte nell’animo di Dorian Gray.
I due protagonisti, Salomè e Giovanni Battista, simboleggiano la natura umana, ma in modo differente da quello che la storia ci ha raccontato.
E le certezze svaniscono in quel ritratto psicologico che Wilde ha voluto sbatterci in faccia.
Apparentemente diversi, emerge nei loro ritratti una similitudine inquietante; Giovanni Battista è semplicemente un uomo che ha represso la propria natura sessuale, mentre la crudele Salomè diventa il simbolo della natura umana, scevra da ogni ipocrisia.
wilde 9Una natura non più bianca, come quella dei bambini o degli adulti che riescono a redimersi della prima produzione di Wilde, né grigia, come nell’unico romanzo che così tanto scandalo suscita in quel periodo.
Salomè assurge a simbolo di una natura umana completamente nera e l’unica differenza tra la donna e Giovanni Battista risiede solamente nella capacità di quest’ultimo di ben riuscire a celare i propri istinti.
Al volgere del secolo molte sono le persone che ritengono stia per arrivare l’Anticristo ed in quella tragedia Wilde sembra proprio voler rappresentare quell’Anticristo da sempre presente nella storia dell’uomo.
La condotta privata dello scrittore comincia ad incrinare i rapporti sinora intrattenuti con la buona società, finché nel 1895 verrà condannato a due anni di lavori forzati con l’accusa di  omosessualità a causa della sua relazione con Lord Alfred Douglas.
Durante i due anni di prigionia trascorsi nel carcere di Reading, Wilde scrive il “De Profundis” e “La ballata del carcere di Reading“.

Oscar Wilde e Alfred Douglas

Oscar Wilde e Alfred Douglas

In queste due opere decanta i valori del dolore e della semplicità avvicinandosi ad un cristianesimo primitivo.
Solo ed emarginato, il suo nome non viene più nemmeno pronunciato nell’alta società, e si accenna all’autore del “Ritratto di Dorian Gray” con profondo disprezzo e soltanto in modo indiretto.
Gli ultimi anni della sua vita trascorrono come un peregrinare nell’oscurità tra miseria e solitudine.
Debilitato nel fisico e nell’animo, si spegne per un attacco di meningite a Parigi, dove si era nascosto sotto il falso nome di Sebastian Melmoth per cercare di farsi dimenticare, il 30 novembre del 1900.
wilde 11Nella sua produzione letteraria, di cui molti lavori sono stati perduti perché solo dietro insistenza dei suoi amici, dava un seguito a quelle creazioni estemporanee che improvvisava in società, bisogna anche ricordare “L’anima dell’uomo sotto il socialismo“, un breve saggio pubblicato nel 1890 in cui è racchiuso quel suo pensiero politico e filosofico di cui non tutti sono a conoscenza e che trova delle somiglianze nella visione filosofica di Nietzsche.
Wilde lancia l’idea di una società dove ad ogni individuo sia consentito di poter esprimere liberamente se stesso e diventare l’artista di sé.
Una definizione di socialismo che si discosta nettamente dal marxismo autoritario e si propone come sviluppo di un’evoluzione individualista che possa mettere in luce le peculiarità di ognuno di noi. Nel saggio si legge dunque non solo una potente critica verso il socialismo autoritario, ma anche nei confronti del capitalismo, entrambi volti ad impedire all’uomo di poter pienamente realizzare pienamente il proprio essere. Per attuare tale forma di socialismo, Wilde ipotizza una società fondata sull’amore e sulla libertà e che si concentri sulla possibilità da elargire ad ogni essere umano il modo di manifestare liberamente se stesso.
Riporto un passo significativo di questo interessante saggio: «Quel che dice Gesù è che l’uomo raggiunge la perfezione della vita non attraverso quel che ha, e nemmeno attraverso quel che fa, ma solo e interamente attraverso quel che è. Così il ricco giovane che va da Gesù ci viene rappresentato come un buon cittadino, che non ha infranto alcuna legge dello Stato, né alcun comandamento religioso. Uno rispettabile, nel senso ordinario di questa straordinaria parola. E Gesù gli dice: ‘devi rinunciare alla proprietà privata. Ti impedisce di realizzarti perfettamente. È un freno, è un fardello. La tua personalità non ne ha bisogno. È dentro di te, e non fuori di te che devi cercare quello che veramente sei, e quello che veramente vuoi».
Di seguito una raccolta di alcuni suoi pensieri, anche se penso che ormai siano noti a tutti 😉

wilde 12
Ho il culto delle gioie semplici. Esse sono l’ultimo rifugio di uno spirito complesso.
***
Non vi è che una sola cosa orrida al mondo, il tedio. Ecco il peccato che non trova perdono.
***
Un amico è qualcuno che ti conosce molto bene e, nonostante questo, continua a frequentarti.
***
Il legame d’ogni unione, si tratti di matrimonio o d’amicizia, è costituito dalla conversazione, e la conversazione deve possedere una base comune: tra due persone troppo diverse per cultura, l’unica base comune si trova al più infimo livello.
***
Gli dei sono strani. Non si servono solo dei nostri vizi per flagellarci. Essi ci spingono alla rovina anche per mezzo di quanto in noi è onesto, gentile, umano, tenero.
***
Se non otterrò nulla dalla casa del ricco, mi daranno qualcosa alla casa del povero. Coloro che molto possiedono spesso sono avidi; quelli che hanno poco sono sempre pronti a spartirlo.
***

wilde 13
Il posto di Cristo è veramente tra i poeti. La sua intera concezione dell’umanità scaturisce nettamente dall’immaginazione e solo dall’immaginazione può essere capita. Quanto Dio era per il panteista, l’uomo era per lui. Fu il primo a concepire le razze divise come un unico insieme.
***
Il vizio supremo è la superficialità. Tutto ciò che si vive fino in fondo è giusto.
***
Tutto nella mia tragedia è stato orribile, mediocre, repellente, senza stile. Il nostro stesso abito ci rende grotteschi. Noi siamo i pagliacci del dolore. Siamo i clown dal cuore spezzato.
***
Non vi è alcuna ragione per cui un uomo debba mostrare la sua vita al mondo. Il mondo non capisce.
***
La maggior parte della gente è altra gente. Le loro idee sono opinioni altrui, la loro vita un’imitazione, le loro passioni una citazione.
***

wilde 14
La sofferenza è solo un lunghissimo momento. Non possiamo dividerlo secondo le stagioni; possiamo soltanto registrarne i mutamenti e segnare volta a volta il loro ripetersi. Per noi, il tempo non progredisce. Esso ruota su se stesso; sembra girare su un perno di dolore. L’immobilità paralizzante di una vita di cui ogni particolare è regolato da un piano immutabile, così che mangiamo e beviamo e ci corichiamo e preghiamo, o almeno ci inginocchiamo nell’atto di pregare, secondo le leggi inflessibili di una regola di ferro, questo carattere di immobilità che fa ogni singola orrenda giornata identica alla precedente fin nei minimi dettagli, sembra comunicarsi a quelle forza esterne la cui essenza stessa è invece un continuo mutamento.
***
Ti aprii la mia casa, il mio focolare, il mio cuore. Il tuo dolore divenne anche mio, in modo che tu avessi un aiuto nel sopportarlo.
***
Amare se stessi è l’inizio di un idillio che dura tutta la vita.
***
La malvagità è un mito inventato dai buoni per sottrarsi alla curiosa attrazione esercitata dagli altri.
***
Chiunque può scrivere un romanzo in tre volumi: ciò richiede semplicemente una totale ignoranza della vita e della letteratura.
***
La società spesso perdona il criminale ma non perdona mai il sognatore.
***

wilde 15
Un’idea che non sia pericolosa non è degna nemmeno di essere chiamata idea.
***
Viviamo in un’epoca di superlavoro e di sottocultura; un’epoca in cui le persone sono talmente laboriose da divenire completamente stupide.
***
Che cosa è un cinico? Uno che sa il prezzo di ogni cosa e il valore di nessuna.
***
È assurdo dividere la gente in buona o cattiva. La gente è affascinante o noiosa. Io mi schiero dalla parte affascinante.
***
La sola persona al mondo che vorrei conoscere realmente, sono io. Ma per il momento non ne vedo la possibilità.
***
Ogni volta che la gente è d’accordo con me provo la sensazione di avere torto.
***
Preferisco le donne con un passato: la loro conversazione è decisamente più divertente.
***

wilde 16
Un uomo che moraleggia è di solito un ipocrita, una donna che moraleggia è inevitabilmente brutta.
***
Nessun grande artista vede le cose come realmente sono. Se lo facesse, cesserebbe di essere un artista.
***
Chiunque può simpatizzare col dolore di un amico, ma solo chi ha un animo nobile riesce a simpatizzare col successo di un amico.
***
Anch’io avevo le mie illusioni. Pensavo che la vita sarebbe stata una commedia brillante, e tu uno dei suoi molti e affascinanti personaggi. Scopersi che era una tragedia repellente e ignobile e che la sinistra occasione del grande colpo di scena, sinistra nella concentrazione della sua mira e nell’intensità del suo maligno volere, eri tu, spogliato di quella maschera di gioia e piacere da cui non meno di me eri stato ingannato e fuorviato.
***
Ho scritto quando non conoscevo la vita. Ora che so il senso della vita, non ho più niente da scrivere. La vita non può essere scritta: la vita può essere soltanto vissuta.
***
La maggior parte di noi vive sguazzando nelle fogne, solo che alcuni lo fanno guardando le stelle.
***

Bisogna sempre perdonare i propri nemici. Niente li infastidisce di più.
***
Per il mio bene non potevo fare altro che amarti. Sapevo che, se mi fosse stato concesso d’odiarti, nell’arido deserto della vita che dovevo percorrere, che ancora sto percorrendo, ogni roccia avrebbe perso la sua ombra, ogni palma sarebbe intristita, ogni pozzo d’acqua si sarebbe inquinato.
***
Ma noi che viviamo in prigione, e nelle cui vite non c’è altro evento che il dolore, dobbiamo misurare il tempo con i sussulti del dolore ed il ricordo dei momenti amari. Non abbiamo niente altro a cui pensare. La sofferenza […] è il mezzo tramite cui esistiamo, in quanto è l’unico che ci rende consapevoli d’esistere; ed il ricordo della sofferenza nel passato c’è necessario come garanzia, come prova, che la nostra identità continua. Tra me ed il ricordo della gioia c’è un abisso non meno profondo di quello che c’è tra me e la gioia stessa.
***
Essere completamente liberi e allo stesso tempo completamente dominati dalla legge è l’eterno paradosso della vita umana, del quale ci rendiamo conto in ogni momento; e questa, lo penso spesso, è l’unica spiegazione possibile della tua natura, semmai possa esistere una spiegazione per i profondi e terribili misteri dell’anima umana, eccetto una, che rende ancor più mirabile il mistero.
***
Non esiste peccato se non la stupidità.
***wilde 17A volte è meglio tacere e sembrare stupidi che aprir bocca e togliere ogni dubbio.
***
Sii te stesso, tutto il resto è già stato preso.
***
La vita è troppo breve per sprecarla a realizzare i sogni degli altri.
***
L’esperienza è il tipo di insegnante più difficile. Prima ti fa l’esame, poi ti spiega la lezione.
***
C’è al mondo una sola cosa peggiore del far parlare di sé: il non far parlare di sé.
***
Ci sono persone che sanno tutto e purtroppo è tutto quello che sanno.
***
Il pubblico è assai tollerante. Perdona tutto eccetto il genio.
***
Se non si può godere della lettura di un libro più e più volte tanto vale non leggerlo affatto.
***
Le donne sono fatte per essere amate, non per essere comprese.
***
Se vuoi dire la verità alla gente, falla ridere, altrimenti ti uccideranno.
***

wilde 18
Una sigaretta è il prototipo perfetto di un perfetto piacere. E’ squisita e lascia insoddisfatti. Che cosa si può volere di più?
***
I libri che gli uomini chiamano immorali sono semplicemente libri che mostrano al mondo la sua vergogna.
***
Le follie sono le uniche cose che non si rimpiangono mai.
***
Nei tempi antichi i libri venivano scritti da uomini di lettere e letti dal pubblico. Al giorno d’oggi i libri sono scritti dal pubblico e letti da nessuno.
***
Ci hanno promesso che i sogni possono diventare realtà, ma hanno dimenticato di dirci che anche gli incubi sono sogni.
***
Si parla tanto del bello che è nella certezza; sembra che si ignori la bellezza più sottile che c’è nel dubbio. Credere è molto monotono, il dubbio è profondamente appassionante. Stare all’erta, ecco la vita; essere cullato nella tranquillità, ecco la morte.
***
Quando l’uomo agisce è una marionetta. Quando descrive è un poeta. Tutto il segreto sta in questo.
***
Quando una persona mi piace moltissimo non ne dico mai il nome a nessuno: è come rinunciare a una parte di lei. Ho imparato ad amare il segreto: mi sembra l’unica cosa che può rendere misteriosa – o splendida – la vita moderna.
***
Le lodi mi rendono umile, ma quando mi insultano so di aver toccato le stelle.
***
A volte penso che Dio, nel creare l’uomo, abbia leggermente sopravvalutato le proprie capacità.
***
Una risata non è affatto un cattivo inizio per un’amicizia ed è di gran lunga il miglior modo per finirla.
***

wilde 19

C’è sempre qualcosa di ridicolo nei sentimenti di chi non si ama più.
***
Parole! Semplici parole! Quant’erano terribili! Quant’erano chiare, vivide, crudeli! Ad esse non si poteva sfuggire. E tuttavia quale sottile magia contenevano. Sembravano capaci di dare forma plastica a cose informi, sembravano possedere una musica loro propria, dolce come quella della viola o del flauto. Semplici parole! C’era qualcosa di altrettanto reale quanto le parole?
***
Noi donne ce la passiamo meglio degli uomini: a noi sono proibite più cose che non a loro.
***
Ah! godetevi la giovinezza finché l’avrete. Non sprecate l’oro dei vostri giorni a ascoltare i noiosi, cercando di migliorare un fallimento inevitabile, o gettando la vostra vita agli ignoranti, agli ordinari, ai volgari. Questi sono i traguardi malsani, i falsi ideali della nostra epoca. Vivete! Vivete la vita meravigliosa che è in voi! Niente di voi vada perduto. Siate sempre alla ricerca di nuove sensazioni. Non abbiate paura di niente…
***
Ci sono molte cose che butteremmo via volentieri se non temessimo che qualcun altro le raccogliesse.
***
L’umanità si prende troppo sul serio. È il peccato originale del mondo. Se l’uomo delle caverne avesse saputo ridere, la storia avrebbe seguito un altro corso.
***
Non dire che sei d’accordo con me. Quando la gente è d’accordo con me mi sembra sempre di essere nel torto.
***
Si dovrebbe essere sempre innamorati. Ecco perché non bisognerebbe mai sposarsi.
***
Il grande vantaggio del giocare con il fuoco è che non ci si scotta mai. Sono solo coloro che non sanno giocarci che si bruciano del tutto.
***
La vita ci fa pagare un prezzo troppo alto per i suoi beni, e ci vende il più vile dei suoi segreti da sordido strozzino.
***
Le preghiere non devono mai essere esaudite: se accade, cessano di essere preghiere e diventano corrispondenza.
***
Solo gli ottusi sono brillanti la mattina a colazione.
***
Un pessimista è qualcuno che si lamenta del rumore quando l’opportunità bussa alla porta.
***

La morte e la volgarità sono le uniche due realtà che il diciannovesimo secolo non è riuscito a spiegare.
***
I grandi avvenimenti del mondo hanno luogo nel cervello.
***
La differenza tra letteratura e giornalismo consiste nel fatto che il giornalismo è illeggibile e che la letteratura non viene letta.
***
L’indifferenza è la vendetta che il mondo si prende sui mediocri.
***
Ciò che non abbiamo osato, abbiamo certamente perduto.
***
La moda è una forma di bruttezza così intollerabile che siamo costretti a cambiarla ogni sei mesi.
***
Meglio vale godersi una rosa che esaminarne la radice al microscopio.
***
L’uomo ha abbastanza memoria per ricordare centinaia di aneddoti, ma non ha abbastanza memoria per ricordare a chi li ha già raccontati.
***
La pazzia è l’orgasmo cerebrale più bello che ci sia.
***
Il pubblico ha un’insaziabile curiosità di conoscere ogni cosa, eccetto quelle che meritano di essere conosciute.
***
Non amare chi ti tratta come se fossi ordinario.
***
Il segreto per rimanere giovani sta nell’avere una sregolata passione per il piacere.
***
Per riavere indietro la mia giovinezza farei qualsiasi cosa al mondo, tranne che fare esercizio, alzarmi presto, o essere rispettabile.
***
Una carta del mondo che non contiene il Paese dell’Utopia non è degna nemmeno di uno sguardo perché non contempla il solo Paese al quale l’Umanità approda di continuo. E quando vi getta l’àncora la vedetta scorge un Paese migliore e l’Umanità di nuovo fa vela. Il progresso altro non è che il farsi storia delle utopie. L’Inghilterra non sarà mai civilizzata fino a quando non annetterà l’Utopia ai suoi domini.
***
wilde 23Quando le persone ci parlano degli altri sono di solito monotone. Ma quando ci parlano di sé sono quasi sempre interessanti, e se si potesse zittirle quando diventano noiose così facilmente come si può chiudere un libro che ci ha tediato, sarebbero assolutamente perfette.
***
Il valore di un’idea non ha niente a che fare con la sincerità di chi la espone. E’ molto più probabile che quanto meno si è sinceri, tanto più l’idea sarà intellettualmente limpida, perché non sarà contagiata dalle sue necessità, desideri o pregiudizi.
***
Le donne non hanno niente da dire, ma lo dicono così bene!
***
L’Odio acceca. L’Amore sa leggere ciò che è scritto sulla stella più lontana.
***
L’arte non deve mai tentare di farsi popolare. Il pubblico deve cercare di diventare artistico.
***
L’istruzione è cosa ammirevole ma ogni tanto ci farebbe bene ricordare che non si può mai insegnare quel che veramente vale la pena di conoscere.
***
wilde 24 jpgI figli iniziano amando i loro genitori, in seguito li giudicano. Raramente, se non mai, li perdonano.
***
L’esperienza non ha alcun valore etico: è semplicemente il nome che gli uomini danno ai propri errori.
***
Dopo una buona cena si può perdonare chiunque, persino i propri parenti.
***
Nulla è pericoloso quanto l’essere troppo moderni. Si rischia di diventare improvvisamente fuori moda.
***
Nella vita moderna non c’è nulla che faccia più effetto di un luogo comune: riesce a unire fraternamente persone di ogni razza.
***
Era sempre in ritardo, per principio, essendo una delle sue teorie che la puntualità è la ladra del tempo.
***
La tragedia della vecchiaia consiste non nel fatto di essere vecchi, ma nel fatto di sentirsi ancora giovani.
***
Non ha nemici, ma è fortemente antipatico ai suoi amici.
***

wilde 25
Ogni santo ha un passato, mentre ogni peccatore ha un futuro.
***
Chi ama una volta sola nella vita ha una natura superficiale. Ciò che alcuni qualificano per lealtà e fedeltà io direi piuttosto apatia dovuto all’uso o all’assenza di immaginazione.
***
La via dei paradossi è la via della verità. Per mettere la realtà alla prova bisogna farla camminare su una corda tesa e la si può giudicare solo quando è diventata acrobatica.
***
Mi piacciono le persone più dei princìpi, e le persone senza princìpi mi piacciono più di ogni altra cosa al mondo.
***
L’amore non è cieco, è presbite: prova ne sia che comincia a scorgere i difetti man mano che s’allontana.
***
Se la natura fosse stata confortevole, l’umanità non avrebbe mai inventato l’architettura.
***
Se dici qualcosa che non offende nessuno non hai detto niente.
***
Le donne non sono mai disarmate dai complimenti, gli uomini lo sono sempre: questa è la differenza tra i due sessi.
***
I dolori superficiali, come gli amori superficiali, vivono a lungo. Gli amori e i dolori veramente grandi vengono distrutti dalla loro stessa pienezza.
***
L’esperienza è una cosa che non puoi avere gratis.
***
Questa è la cosa peggiore nelle donne: vogliono sempre che siamo buoni. E se siamo buoni, quando ci incontrano, non ci amano affatto. Piace loro trovarci irrimediabilmente cattivi e lasciarci insignificantemente buoni.
***
wilde 26
Londra abbonda troppo di nebbie e di gente seria. Se siano le nebbie che producono la gente seria o se sia la gente seria che produce le nebbie non saprei dire.
***
Per acquistare popolarità bisogna essere una mediocrità.
***
Il cinismo è l’arte di vedere le cose come sono, non come dovrebbero essere.
***
Il poeta è sempre un veggente, il quale vede più con gli occhi dell’anima che con quelli del corpo.
***
Oggi bisogna avere qualche occupazione. Se non avessi i miei debiti, non avrei nulla a cui pensare.
***
La forma di governo più adatta a un artista è l’assenza di qualunque governo.
***
La Bellezza è una forma del Genio, anzi, è più alta del Genio perché non necessita di spiegazioni. Essa è uno dei grandi fatti del mondo, come la luce solare, la primavera, il riflesso nell’acqua scura di quella conchiglia d’argento che chiamiamo luna.
***
Il mondo ha sempre riso delle proprie tragedie ed è questo l’unico modo in cui è riuscito a sopportarle. Di conseguenza tutto ciò che il mondo ha trattato in maniera seria appartiene al lato comico delle cose.
***

wilde 27
Il mistero dell’amore è più grande del mistero della morte.
***
L’egoista non è quello che vive come gli pare e piace, ma quello che chiede agli altri di vivere come pare e piace a lui; l’altruista è quello che lascia che gli altri vivano come piace a loro…
***
Nessun uomo è abbastanza ricco da poter riscattare il proprio passato.
***
Non esistono i presagi: il destino non manda araldi. È troppo saggio o troppo crudele per farlo.
***
Non parlo mai mentre ascolto la musica, o almeno nell’esecuzione di buona musica. Se si ascolta della cattiva musica, è un dovere coprirla con la conversazione.
***
Non peccano affatto coloro che peccano per amore.
***
Il solo fascino del passato è il fatto che è passato.
***
wilde 28
Vi sono momenti in cui ci si trova nella necessità di scegliere fra il vivere la propria vita piena, intera, completa, o trascinare una falsa, vergognosa, degradante esistenza quale il mondo, nella sua grande ipocrisia, gli domanda.
***
Una cosa non è necessariamente vera perché un uomo è morto per realizzarla.
***
Ho scritto quando non conoscevo la vita. Ora che so il senso della vita, non ho più niente da scrivere. La vita non può essere scritta: la vita può essere soltanto vissuta.
***
Lo spreco della vita si trova nell’amore che non si è saputo dare, nel potere che non si è saputo utilizzare, nell’egoistica prudenza che ci ha impedito di rischiare e che, evitandoci un dispiacere, ci ha fatto mancare la felicità.
***
È un vero peccato che impariamo le lezioni della vita solo quando non ci servono più.
***
Il ricco e il povero sono fratelli, e il fratello ricco si chiama Caino.
***

wilde 29
In quest’epoca, tanti sono così ansiosi di educare il prossimo, che non hanno tempo di educare se stessi.
***
Le donne non sanno mai quando si cala il sipario. Vogliono sempre un sesto atto e, proprio quando l’interesse dello spettacolo è svanito del tutto, propongono di continuarlo.
***
La musica è il genere di arte perfetto. La musica non può mai rivelare il suo segreto più nascosto.
***
La moderazione è qualcosa di fatale. Il sufficiente è deprimente come un pasto regolare, il sovrabbondante gradevole come un banchetto.
***
L’America è l’unico paese che è passato dalla barbarie alla decadenza senza passare attraverso la civiltà.
***
Le donne che hanno buon senso sono così curiosamente insignificanti.
***
wilde 30

N.B. Le immagini e i video sono stati reperiti nel web,  quindi considerati di pubblico dominio e appartenenti a google, a youtube e ai legittimi proprietari. Qualora si ritenesse che possano violare diritti di terzi, si prega di scrivere al seguente indirizzo lacapannadelsilenzio@yahoo.it e saranno immediatamente rimossi.

Digiprove sealCopyright secured by Digiprove © 2015

15 Comments

Leave a Reply