Astrid Lindgren, la creatrice di Pippi Calzelunghe.

Astrid Lindgren, biografia e citazioniPerché dovrei andare a scuola?
Per imparare tante belle cosine“.
Che tipo di cosine?” si informò Pippi.
Tutto ciò che è possibile imparare” spiegò il poliziotto: “una enorme quantità di nozioni utili, come la tavola pitagorica, per esempio“.
Me la sono cavata perfettamente per ben nove anni, anche senza bisogno della tavola piragotica” disse Pippi; “e posso continuare nello stesso modo“.
Sarà, ma immagina quanto ti peserà la tua ignoranza: pensa se, quando sarai grande, qualcuno ti chiederà qual è la capitale del Portogallo e tu non saprai rispondere!
Certo che saprò” esclamò Pippi. “C’è un’unica risposta per un tipo simile: se proprio muori dalla voglia di sapere come si chiama la capitale del Portogallo, per amor di Dio, scrivi subito in Portogallo, e te lo sapranno dire“.
Ma non pensi che ti sentiresti un po’ mortificata, a non saperglielo dire tu stessa?
Può darsi” disse Pippi. “Può darsi che mi capiti di rimanere sveglia fino a tarda notte a furia di chiedermi: ma come diavolo può chiamarsi la capitale del Portogallo? Del resto, ognuno ha le sue preoccupazioni” concluse, e si mise a camminare avanti e indietro sulle mani.
Del resto, sono stata a Lisbona col mio papà” aggiunse, continuando a spostarsi con la testa in giù e le gambe in su, perché, tanto, riusciva benissimo a discutere anche così. (Brano tratto dal romanzo di Astrid Lindgren “Pippi Calzelunghe“).

Astrid Lindgren, biografia della creatrice di Pippi Calzelunghe

Astrid Lindgren insieme all’attrice Inger Nilsson superba interprete di Pippi Calzelunghe.

Il 14 novembre del 1907 nasce Astrid Lindgren, la scrittrice nota in tutto il mondo per aver creato il ribelle e anticonformista personaggio di Pippi Calzelunghe.

Astrid Lindgren, biografia e citazioni della creatrice di Pippi Calzelunghe

Astrid Lindgren con il suo primo figlio

Probabilmente l’aver vissuto sulla propria pelle l’opprimente moralismo di Vimmerby, la piccola cittadina della Svezia meridionale dove nasce e che mostra apertamente il proprio disappunto quando la ragazza a diciotto anni resta incinta del primo figlio senza essere sposata, contribuisce a far sì che dal suo animo insofferente alle convenzioni sociali, prenda vita un personaggio alquanto insolito nella letteratura per ragazzi.
Trasferitasi a Stoccolma, non pochi sono i problemi economici da affrontare e la giovane donna è costretta a dare in affidamento il proprio figlio Lars ad una famiglia del luogo.
Solo quando si sposerà, la futura scrittrice potrà riprendere il proprio figlio con sé.
Dal matrimonio nasce la figlia Karin che a sette anni viene colpita da una polmonite. Astrid, da sempre amante della lettura, cerca di rendere più sopportabile la degenza della figlia leggendole racconti e fiabe.
Un giorno Karin domanda alla madre di raccontarle la storia di “Pippi Calzelunghe“, personaggio inesistente il cui nome viene inventato dalla bambina.
Astrid subisce il fascino del personaggio immaginato dalla figlia e ritiene che ad un così bizzarro nome debba essere associata una figura altrettanto originale ed inizia a giocare con la fantasia, ideando delle storie divertenti riguardo la stramba Pippi.

Astrid Lindgren, biografia e citazioni della scrittrice che creò Pippi Calzelunghe

Astrid Lindgren insieme alla figlia Karin

Qualche anno dopo, a causa di un piccolo incidente che costringe la donna a trascorrere qualche giorno a letto, Astrid comincia a scrivere le rocambolesche avventure di quello che diverrà poi uno dei libri più letti in tutto il mondo: la storia di Pippi, una bambina che conduce un’esistenza priva di vincoli e costrizioni e che ha fatto sognare grandi e piccoli. Il manoscritto di Astrid, illustrato da lei stessa, viene regalato a Karin al compimento dei dieci anni.
Il libro delle avventure di Pippi Calzelunghe, pubblicato nel 1945, capovolge completamente il mondo della letteratura dedicata all’infanzia. Per la prima volta i bambini leggono o ascoltano dei racconti avventurosi che avrebbero da sempre voluto vivere. Basta con le solite storielle trite e ritrite di personaggi banali e prevedibili con la morale alla fine. È giunto il momento di raccontare una storia nuova, quella di un’insolita eroina di nove anni, una bambina che vive con un cavallo, uno scimmietta e un topolino, si veste in modo stravagante con abiti cuciti da lei stessa e affronta la vita in modo positivo e avventuroso, così come tutti i bambini vorrebbero trascorrere il magico periodo dell’infanzia.

Astrid Lindgren, biografia e citazioni
Pippilotta Virktualia Rullgardina Succiamenta Efraisilla Calzelunghe, questo il nome completo del turbolento personaggio, scombussola con il suo arrivo un tranquilla cittadina svedese. Vive sola in una casetta in una casetta colorata, “Villa Villa Colle“, dove custodisce il tesoro del padre, prigioniero dei pirati. Non ha mai conosciuto la madre e la identifica con una stella che saluta ogni sera prima di andare a dormire.
Stringe subito amicizia con Tommy e Annika, due fratelli che la seguono senza esitazione in avventure che oltrepassano il consentito e di cui non è facile distinguere la realtà dalla fantasia.
Pippi non frequenta la scuola, è una grande burlona e ha un cuore grande. Le sue coloratissime sciarpe e le enormi scarpe a punta sono leggendarie, così come i suoi viaggi in mongolfiera e le sue passeggiate a cavallo del suo amato Zietto, bianco e con i pois neri.

Astrid Lindgren, biografia e citazioni

Pippi in sella al suo cavallo insieme a Tommy e Annika

Instancabile peste che mette i piedi sul tavolo e s’infila le dita nel naso, Pippi Calzelunghe è diventata ormai un’icona. Dal libro che a quei tempi, persino nell’evoluta Svezia, fatica a trovare un editore disposto a pubblicarne le avventure, è stata poi tratta una famosa serie televisiva che da più di quarant’anni riesce a far sognare i bambini di tutte le età.
Quella “disgustosa monellaccia“, così definita dai critici e dai pedagogisti del tempo, scandalizzati dalla pubblicazione dei racconti scritti da Astrid, diventa la protagonista di un libro tradotto in ben 70 lingue e ancora oggi desta scalpore in certi genitori timorosi che i propri figli ne possano seguire il cattivo esempio.
Qualcuno ha paragonato Pippi a Mary Poppins. Accostamento non del tutto appropriato, nonostante la stravaganza che accomuna le due figure. Pippi, infatti, è la compagna di avventure di due coetanei e non impone mai delle regole ai suoi amici, dato che è priva di alcuna conoscenza della disciplina.

Astrid Lindgren, biografia e citazioni

La scrittrice, nota anche per il suo attivismo in difesa dei bambini e degli animali,  scrive altri libri e racconti, ma la sua notorietà resterà sempre legata a quello stravagante personaggio che le fa ottenere numerosi premi prestigiosi, tra cui il Right Livelihood Award, un premio Nobel alternativo.
Dotata di grande senso dell’umorismo come la protagonista del suo libro, commenta così il premio di “Personaggio dell’anno” che le viene assegnato nel 1997 : «Non capisco come possiate nominarmi personaggio dell’anno, io che sono cieca, sorda e mezza pazza. Faremo meglio a non dirlo troppo in giro, se no penseranno che tutti in Svezia siano come me. »
Muore a Stoccolma il 28 gennaio del 2002.
A questa grande donna dedico un ringraziamento speciale per aver dato la possibilità a milioni di bambini di sognare di vivere avventure strabilianti insieme ad una ragazzina dispettosa e irriverente nei confronti di chi cerca di porre un freno alla sua inesauribile fantasia.
Di seguito alcune citazioni della scrittrice.

Astrid Lindgren, biografia e citazioni
Date ai bambini amore, molto amore e ancora più amore… e il buon senso verrà da sé.
***
Un’infanzia senza libri non sarebbe infanzia. Sarebbe come essere tagliati fuori dal luogo incantato dove si può andare ed incontrare quell’aspetto più raro della gioia.
***
Io non voglio scrivere per gli adulti. Voglio scrivere per quei lettori che possono attuare miracoli. E solo i bambini fanno miracoli quando leggono.
***

Astrid Lindgren, biografia e citazioni dell'autrice di Pippi Calzelunghe
Non ho mai sperimentato l’innamoramento folle di cui la maggioranza delle persone parla e ammetto di non averne sentito la mancanza. In compenso ho avuto un’enorme capacità di amare i miei figli e i miei nipoti.
***
Sono sempre stata molto interessata al movimento operaio. Se avessi potuto desiderare un’altra vita, mi sarebbe piaciuto diventare una pioniera di tale movimento.
***
Non m’importa di morire, sarò contenta quando accadrà, purché non avvenga in questo momento; prima ho bisogno di pulire la casa.
***
E per i nostalgici ecco la sigla iniziale del noto telefilm 😉

N.B. Le immagini e il video sono stati reperiti nel web, quindi considerati di pubblico dominio e appartenenti a google, a youtube e ai legittimi proprietari. Qualora si ritenesse che possano violare diritti di terzi, si prega di scrivere al seguente indirizzo lacapannadelsilenzio@yahoo.it e saranno immediatamente rimossi.

Digiprove sealCopyright secured by Digiprove © 2014-2016

1 commento

Lascia un commento